05-06 SETTEMBRE 2020 - MONZAMBANO (MN) - «RIPARTIAMO DA NOI»: FESTIVAL D'AMORE E D'AMICIZIA

[Settembre 2020] Un festival unico nel suo genere: artisti professionisti e non, italiani ed internazionali, con spirito di rinascita e con l'esigenza di un ritorno all'incontro, animeranno due giorni intensi di esperienze ricche e variegate, il 5 e 6 settembre 2020 a Monzambano (Mantova).
Ideato e organizzato dalla Compagnia Teatrale «I Gotturni», Comune e Fondazione Città di Monzambano, e patrocinato da Provincia di Mantova, Regione Lombardia e Fondazione Cis, l'evento «Ripartiamo da noi» darà voce a fotografi, giornalisti, scrittori, pittori, attori, poeti, operatori del settore erboristico ed olistico, che metteranno a disposizione la loro arte.

Sabato 5 settembre, in particolare, la giornata sarà declinata al femminile, sotto i più vari aspetti: dalla musica folk, al cantautorato in rosa italiano e internazionale, con esibizioni di brani di grandi figure femminili. La domenica, invece, sarà dedicata al teatro: classico, cabaret, surreale e dei piedi, con importanti interventi musicali relativi al repertorio di autori e cantautori nazionali e internazionali. E presentazioni di biografie di artisti di indiscusso valore nel campo del teatro e della cinematografia italiana. Ed ancora: un saggio a cura della scuola di canto di Monzambano, e una selezione di brani interpretati dagli allievi della Scuola dell'Attore dei Gotturni.


PROGRAMMA


Sabato 5 settembre 2020

Ore 10,30 e 15,30 – Scalinata sul fiume – Piazzetta delle Arti
CELESTINA E IL FIUME
[con il duo Malapassione: Beatrice Zuin e Claudio Moro]
Celestina, moglie dell'ultimo barcaro, racconta la propria storia. Storia di acqua, di povertà, di grande coraggio e speranza tra il Sile e il Po. Una grande lezione di vita che vale la pena di raccontare. Che vale la pena ascoltare. Dove tutte le canzoni hanno come soggetto l'acqua e i fiumi.


Ore 11,30 e 17,00 – Piazzetta delle Arti
VA' DOVE TI PORTA IL PIEDE
[con Laura Kibel]
Artista internazionale, presenta «Il teatro dei piedi», a metà strada tra il mimo e i burattini. Teatro valorizzato e reinventato dall'artista veronese Laura Kibel che ne ha sviluppato le tecniche e i contenuti. I piedi, che si vestono di mille accessori, diventano i protagonisti dello spettacolo incarnando personaggi ironici o drammatici che raccontano storie di ieri e di oggi. Artista ambita, ha viaggiato con le sue valige colorate esibendosi in tutto il mondo. Tutte le rappresentazioni presentano storie diverse: potrete così gustare tutte le repliche.


Ore 12,00 e 16,30 – Scalinata sul fiume – Piazzetta delle Arti
LUCE E SPERANZA NELLE DONNE DI SPOON RIVER
Antologia di quattro brani tratti da «Spoon River» di Edgar Lee Masters
[con Noemi Pezzini ed Elisa Baetta]
L'«Antologia di Spoon River» è una raccolta di poesie in verso libero scritta dal poeta statunitense Edgar Lee Masters e pubblicata tra il 1914 e il 1915 sul «Mirror» di Saint Louis. Ogni poesia racconta, in forma di epitaffio, la vita dei residenti dell'immaginario paesino di Spoon River, che riposano nel cimitero locale.


Ore 12,00 e 20,00 – Cortile del Municipio
OJALA' – EL JUEGO DEL MUNDO
[con il Trio Ojalà - Anna Lisa Buzzola (voce solista e narrante), Claudio Moro (chitarra) e Luigi Catuogno (chitarra)]
Un progetto di recentissima nascita dove la voce di Anna Lisa Buzzola si unisce a quella delle chitarre di Luigi Catuogno e Claudio Moro in un caleidoscopico repertorio di brani della tradizione popolare sudamericana. A canzoni come «Razon de vivir» si uniscono brani strumentali come «Brasilerinho» o «Abracando Jacarè»; «Todo cambia» e «La Maza» si affiancano alla grazia di «Alfonsina y el mar» e «Taquarì».
Un viaggio nel pathos, nella bellezza e nella forza di una musica radicata nella propria terra eppure universale.


Ore 16,00 – Sala Civica «Alda Merini»
L'AMORE, VISTO DA ALDA MERINI
Legge: Franca Spada
Lettura di poesie scelte della grande poetessa sull'amore visto col cuore di una Donna
Franca Spada, sceneggiatrice, autrice, attrice, regista e direttrice artistica della Compagnia Teatrale «Scacciapensieri» di Flero (Brescia).


Ore 17,00 – Sala Civica «Alda Merini»
SMAGLIATURE
[con Simone Azzoni]
Parlerò di «Smagliature: esperienze di Estetica relazionale nell'arte contemporanea», il mio ultimo libro. Ma da esso divagherò tra quelle parole che costituiscono i frammenti con cui ricomporre il visivo oggi.
Laureato in Lettere moderne e Filosofia, Azzoni è critico d'arte e docente di Storia dell'arte contemporanea all'Istituto Universitario Salesiano Venezia. Insegna inoltre Lettura critica dell'immagine e Storia dell'Arte all'Istituto di Design Palladio di Verona, e si interessa di Net Art e New Media Art e Art marketing tips.
Docente di Lettere nella scuola secondaria e critico teatrale per riviste e quotidiani nazionali, Simone Azzoni è autore di seminari di Lettura critica dello spettacolo all'Università di Verona. Tra le pubblicazioni recenti, per la casa editrice Universitaria è uscito «Frame – Videoarte e dintorni» e per Lazy Dog «Lo sguardo della Gallina».


Ore 18,00 – Piazzetta delle Arti
ACOUSTIC LIVE
[con Federico Messini]
Live acustico del cantautore o, meglio, cantastorie Federico Messini.
Una canzone di pensiero e riflessione, intima ma non claustrofobica, che racconta storie di vita vissuta, di incontri casuali su treni infiniti che corrono sui binari del tempo che scorre inesorabile.


Ore 18,30 – Cortile del Municipio
IO SONO MARIA. DONNE IN CANZONE
[canta Giuliana Bergamaschi, con Claudio Moro (chitarra) ed Enrico de Angelis (voce narrante)]
La donna è sempre stata in grande evidenza nella forma-canzone, storicamente non tanto come autrice purtroppo ma certamente come esecutrice e, ancor più, come protagonista dei temi trattati. Pensiamo, nel primo ruolo, alla fondamentale funzione orale delle ninne nanne di tradizione popolare; e, nel secondo, a quante dediche d'amore e quanti ritratti femminili costellino la canzone universale di tutti i tempi. Con questo piccolo evento, toccheremo brevemente alcuni momenti di questo percorso, documentandolo in musica e commentandolo con qualche cenno storico.


Ore 19,30 e 20,30 – Cortile del Municipio
A BOOK OF DREAMS
Kate Bush's World Acoustic Experience
[con Giuliana Bergamaschi (voce e narrazione), Claudio Moro (chitarra) e Luigi Catuogno (chitarra)]
Il sogno non è illusione ma meta di un percorso che a volte può risultare più denso del percorso stesso. Un viaggio intrapreso molti anni fa quando da ragazzini abbiamo vissuto le prime esperienze nell'incredibile mondo della musica. I primi ascolti alla radio, i primi 45 giri, le feste private e qualsiasi evento che ci desse la possibilità di immergerci nel suono. È stata un'esperienza multi-sensoriale di ascolto, teatralità, danza. In sintesi: la liberazione del gesto. Per molti versi Kate Bush ha incarnato tutto questo.
Il nostro progetto è un piccolo omaggio, un'esperienza, una dedica ad una delle più grandi artiste della nostra epoca. Le canzoni, arrangiate per voce e due chitarre, saranno intercalate da brani tratti dal libro «A Book of Dreams» di Peter Reich, testo che ha ispirato Kate Bush alla realizzazione del famoso video «Cloudbusting» con l'attore Donald Sutherland.


Ore 19,00 – Sala Civica «Alda Merini»
INCONTRO CON IL CINEMA DI FRANCO PIAVOLI
[conduce il giornalista e critico cinematografico Giancarlo Beltrame]
Proiezione dei due cortometraggi:
DOMENICA SERA (1962 / 11 minuti / 8 mm) Nei giorni festivi i giovani si ritrovano sull'aia del villaggio. Le ragazze arrivano in bicicletta, i ragazzi in moto. I meno timidi le avvicinano e le invitano a ballare stringendole nei ritmi lenti. Verso sera qualcuno ritorna a casa cantando felice, altri si baciano e fanno l'amore nei boschi al chiaro di luna.
EVASI (1964 / 12 minuti / 8 mm) Durante una partita di calcio sono inquadrati solo i volti dei tifosi: quasi tutti operai evasi dalle fabbriche nel giorno festivo. A un certo punto il fanatismo li pervade e si abbandonano a gesti disperati e selvaggi.


Ore 19,00 – Piazzetta delle Arti
THEO VAN GOGH - STORIA DEL CANE CHE GUARDAVA LE STELLE
[Anomalìa Teatro con Marco Gottardello. Drammaturgia: Debora Benincasa. Regia: Amedeo Anfuso. Scenografia: Alessandro Rivoir. Progetto grafico: Nachos]
Vincent Van Gogh genio indiscusso della pittura moderna. Vincent Van Gogh l'affascinante ribelle. Vincent Van Gogh genio maledetto. E Theo Van Gogh? Il fratello minore che l'ha supportato e mantenuto permettendogli di diventare l'artista che tutti conosciamo, che cosa sappiamo di lui? Lo spettacolo parte da queste domande intrecciate alle lettere che Vincent scriveva al fratello. Cosa può aver risposto Theo a quelle lettere, così dense di emozioni, notizie, divagazioni e offese? Vogliamo parlare di chi sta dietro gli eroi. Del braccio destro, della spalla sinistra, che spesso viene relegata a poco più che una semplice comparsa destinata ad essere dimenticata dalla Storia. Theo Van Gogh è stato dimenticato. Ma non da tutti.


Ore 21,30 – Piazzale della Chiesa
C'ERA UNA VOLTA NEW ORLEANS
[con Original Perdido Jazz Band: Giannantonio Bresciani (tromba vocal), Saulo Agostini (trombone), Alessandro Manfredi (clarinetto); Gianni Romano (banjo); Enzo Andreoli (wash-board); Luca Manfredi (batteria); Gioele Moniga (basso tuba), Lorena Strozzieri (vocalist).
Saranno proposte le più famose composizioni jazz e gospel, come «Louisiana», «At the jazz band ball», «Muskat ramble», «Way down yonder in New Orleans», «Roseta», «I want a little girl», «When the saints go marchin'in» e altre.


Tutto il giorno al «Resalè»
MOSTRA TAROCCHI
[Tavole originali di tarocchi, con Luigi Scapini]
Luigi Scapini si occupa di tarocchi dagli anni '70 e ha dedicato gran parte della sua attività di illustratore realizzando una ventina di mazzi, alcuni dei quali diffusi in tutto il mondo. Anche la sue attività di studioso e di insegnante sono sempre più rivolte al mondo dei tarocchi, che amo trattare come mandala, cioè come specchio dell'ordine cosmico e come personaggi teatrali, un po' sulla scia di Jodorowsky. Tra le sue molteplici attività artistiche, Scapini si è occupato anche di scenografia e di costumi teatrali, soprattutto nell'ambito della danza. E per anni ha insegnato scenografia in Accademia.


Dalle ore 11,00 alle 12,30 e dalle 16,00 alle 18,30 al «Resalè»
LETTURA TAROCCHI
[con Luigi Scapini]
Chi volesse prenotare una lettura individuale dei Tarocchi, Luigi Scapini sarà disponibile durante i giorni del Festival. La lettura dei tarocchi non è compresa nel biglietto d'ingresso.
Prenotazioni via mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Offerta libera


Dalle 10,30 alle 19,30 – Hall del Municipio
STEFANO BORIN: MOSTRA D'ARTE
Scultore, pittore, artista figurativo, esposizione di opere proprie.


Dalle ore 10,00 – Sala Civica «Alda Merini»
I VOLTI DELLA CITTA' – STAGE FOTOGRAFICO ITINERANTE
[con Joe Oppedisano]
Il ritratto è un'impronta, una traccia. Unica, inconfondibile, irripetibile. Conferma un passaggio, documenta la realtà, cattura un momento. La fotografia imprime quell'attimo. Come uno specchio magico ne carpisce l'essenza e la trattiene, ammanettandola, in una sfida contro il tempo. Gli studenti del workshop «Il Ritratto» accettano questa sfida, e andranno in giro per il paese in cerca di volti. I volti della gente agli angoli delle vie, a piedi, in bicicletta. I volti di uomini e donne, di tutte le età. Il volto di un paese che si muove, che respira e che vibra: il volto di Monzambano.
Avranno carta bianca, nessuna tecnica è consigliata o esclusa, solo l'invito a cercare un contatto, un incontro, un dialogo, con la gente e con il paese. Un doppio ritratto. Una sfida ancor più grande. Ognuno cercherà un linguaggio personale, un lessico interpretativo per raccontare Monzambano e la vita che pulsa nelle sue strade.
Joe Oppedisano è docente del corso di specializzazione post-laurea «Il Ritratto» all'Accademia di Genova.
Il Workshop non è incluso nel biglietto d'ingresso.
Costo workshop: 60,00 euro giornaliere, 100 euro di 2 giornate.
Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonare al 366.1814860.


Domenica 6 settembre 2020

Ore 11,00 e 17,00 – Piazzetta delle Arti
VA' DOVE TI PORTA IL PIEDE
[con Laura Kibel]
Artista internazionale, presenta «Il teatro dei piedi», a metà strada tra il mimo e i burattini. Teatro valorizzato e reinventato dall'artista veronese Laura Kibel che ne ha sviluppato le tecniche e i contenuti. I piedi, che si vestono di mille accessori, diventano i protagonisti dello spettacolo incarnando personaggi ironici o drammatici che raccontano storie di ieri e di oggi. Artista ambita, ha viaggiato con le sue valige colorate esibendosi in tutto il mondo. Tutte le rappresentazioni presentano storie diverse: potrete così gustare tutte le repliche.


Ore 11,30 – 12,30 – 17,30 – Cortile del Municipio
IL FINIMONDO: TUTTO IL CABARET DI QUESTO MONDO
«Il Carro dei Comici» propone una selezione di 7 sketch comici liberamente tratti da «Tingeltangel» di Karl Valentin. Ovvero un'ora e mezza circa di teatro comico per due attori e poco più. Un'antologia fatta di nonsense intelligenti, di comicità graffiante e sottile, gags e clownerie. Un pretesto per far scoprire, con equivoci e giochi di parole, il piacere di divertirsi a teatro.
Le situazioni comiche si inseguono, non lasciano respiro e danno agli attori la possibilità di evidenziare il piacere di recitare, il gusto di giocare allo scoperto con trucchi e convezioni, conquistando la fiducia del pubblico che diventa complice e disponibile alla risata.


Ore 11,30 e 16,30 – Campetto lato sx della Chiesa
IL CERCHIO DEI TAMBURI SORRIDENTI
[con Mauro Faccioli]
Un'esperienza condivisa, un cerchio di tamburi e percussioni di vario tipo, in cui il gruppo sperimenta la bellezza di suonare insieme. È ascolto, sperimentazione e improvvisazione. Evento musicale condiviso: per bambini, adulti e famiglie.


Ore 12,00 e 16,00 – Campetto lato dx della Chiesa
TERRA CHIAMA ENRICO
Una storia divertente per famiglie sull'ambiente
[con Neverland Contaminazioni Culturali]
Un giorno la Terra chiama Enrico, un bambino di otto anni amante della Natura della Bassa Veronese, dell'Italia e del mondo. Enrico subito è incredulo! Poi ci crede: è tutto vero! Il viaggio di un bambino e della Terra fatto di tante sorprese, risate, incontri, spunti di riflessione. Perché la Terra è mia, tua, nostra!


Ore 16,30 e 18,30 – Torre Castello
IL VINO E SUO FIGLIO
[con Enrico Bonavera]
Tratto da «Il Navigatore del Diluvio» di Mario Brelich, il racconto della scoperta del vino e della vite fatto da Sem, figlio di Noè: la particolare amicizia tra Noè e Javhè; gli effetti prodigiosi di un misterioso liquido; la costruzione dell'Arca; la vite e la vita.
Enrico Bonavera è attualmente l'Arlecchino del Piccolo Teatro di Milano.


Ore 16,00 – Sala Civica «Alda Merini»
CONFERENZA: «I TAROCCHI COME MANDALA»
[con Luigi Scapini]
Scapini ama trattare i Tarocchi come Mandala, come specchio dell'ordine cosmico e come personaggi teatrali, sulla scia tracciata anche da Jodorowsky. Nel suo intervento a Monzambano cercherà di spiegare questo suo approccio, mostrando anche alcune tavole originali dei suoi mazzi di carte e facendo delle dimostrazioni di letture.


Ore 17,00 – Sala Civica «Alda Merini»
BIOGRAFIE: «NANNI SVAMPA»
[con Michele Sancisi, giornalista di Sky Tv e scrittore]
Commento al film «Nanni Svampa», con intervista a cura di Enrico de Angelis.
A seguire intervento del gruppo teatrale «I Gotturni» con pezzi tratti dallo spettacolo «Notte da Gufi» di Nanni Svampa.
A descrivere Nanni Svampa nessuno è più indicato di Svampa stesso. Ha pensato bene Michele Sancisi a produrre un documentario lasciando che lui stesso si interpretasse come sempre ha fatto sul palco e nella vita di tutti i giorni. Dall'infanzia trascorsa nella piena libertà della campagna milanese, fino a Milano dove quella libertà l'ha indossata come una seconda pelle e ne ha fatto un blasone da ostendere per tutta la sua carriera.
Espressioni chiave come: «Oltre la laurea, l'università l'ho fatta in Osteria», «Sono un anticonformista, ho la stessa moglie da più di quarant'anni», «Siccome non lecco il culo non ho peli sulla lingua. Sono ottimista per disperazione»; e ancora: «Non mi sento vecchio e non mi fermo delle ore a guardare gli scavi di un cantiere.
Dai primi anni '90 a tutt'oggi accompagnato alla chitarra da Antonio Mastino canto le mie storie e i miei concerti, storie vere e e storie inventate; del resto io la mia vita me la sono inventata», la dicono lunga sulla sua concezione della vita e dei suoi lavori e le sue più famose creature, «I Gufi», col loro lugubre scanzonato e irriverente, insolenti e giocosi nel provocare il conformismo piccolo borghese della Milano dell'epoca, hanno fatto e fanno tuttora scuola di un umorismo dissacrante ma mantenuto sempre in perfetto equilibrio sul filo del garbo e della raffinatezza d'intelletto.


Ore 18,30 – Sala Civica «Alda Merini»
NOTTE DA GUFI
[con la Compagnia teatrale «I Gotturni»]
Una selezione di 5 canzoni umoristiche («La ballata dei Gotturni», «Il metronotte», «Gli impiccati», «Il Mario mama», «Al cimitero») tratte dallo spettacolo «Notte da Gufi» di Nanni Svampa eseguite dai Gotturni: Anna Paganini, Claudio Messini, Leonardo Morelato, Francesco Bussi.


Ore 18,30 – Terrazza scalinata sul fiume – Piazzetta delle Arti
TAM TAM DAY
[con Filo Cisse Mandingo]
Senegalese e i suoi amici percussionisti italiani presentano il «Tam Tam Day», un viaggio tra la cultura e la musica senegalese. I costumi, le danze, la musica nella vita giornaliera, gli strumenti a percussione ed il loro suono, il linguaggio dei tam tam e le musiche tradizionali.


Ore 19,30 - Campetto lato sx della Chiesa
IL CERCHIO DEI CORPI SONANTI
[con Mauro Faccioli]
Piccola perfomance d'improvvisazione musicale inclusiva. Abbiamo uno strumento musicale sempre con noi e non lo sapevamo: il nostro corpo! Connettersi per fare musica e fare musica per connettersi! Body music, improvvisazioni di voci, giochi cooperativi musicali per adolescenti e adulti.


Ore 20,00 – Piazzetta delle Arti
LA BISBETICA DOMATA ovvero EL PIERO E LA BIANCHINA
[con la Compagnia «Il Carro dei Comici»]
Spettacolo comico brillante di Anna Paganini Bresaola liberamente tratto da William Shakespeare. Regia di Claudio Messini. Una delle commedie più divertenti del grande drammaturgo inglese nella versione in dialetto veneto. Con Alberto Pasqualotto ed Elisa Baetta.


Ore 21,00 – Piazzale della Chiesa
RENATO MICAGLIO QUARTET
[con Renato Micaglio (voce e piano), Vincent Costante (chitarra acustica e voce), Pier Brigo (basso e cori) e Diego Zenato (batteria).
Renato Micaglio Quartet, un percorso musicale dagli anni Settanta alla musica attuale, passando per il funky, soul & R&B, latin, il pop italiano e mediterraneo ed internazionale, eseguendo brani di famosi cantautori italiani come Pino Daniele, Paolo Conte, Renato Carosone, Fabio Concato, Lucio Dalla oltre che ad hits famose dei Simply Red, Stevie Wonder, Eric Clapton.
L'esperienza e la versatilità artistica dei cantanti permette al Quartet di adattarsi ad ogni tipo di evento musicale. Tutti i brani sono rivisitati in chiave unplugged ma con un proprio groove originale che porterà gli ospiti ad essere coinvolti, a divertirsi.


Dalle ore 11,00 alle 12,30 e dalle 16,00 alle 19,00 – Cantina degli artisti
NATUROPATIA E IRIDOLOGIA
[con Daniela Merlo]
Daniela Merlo, naturopata, creerà un angolo accogliente in un tranquillo spazio verde dove, sorseggiando un buon tè o un infuso di frutta, racconterà dei metodi che il naturopata ha a disposizione per far sì che ogni persona possa mettersi in contatto con il proprio benessere. Potrete venire a conoscenza delle caratteristiche delle vostre iridi focalizzando i migliori fiori corrispondenti al vostro carattere, così da armonizzare corpo ed emozioni. Strumenti: Iridologia, Fiori di Bach e conoscenza del grandioso mondo delle piante officinali.
L'incontro personale durerà circa 15 minuti. Il tutto con la compagnia musicale di Luigi Catuogno, maestro di chitarra classica.
Per prenotare: Tel. 392.9136348


Tutto il giorno al «Resalè»
MOSTRA TAROCCHI
[Tavole originali di tarocchi, con Luigi Scapini]
Luigi Scapini si occupa di tarocchi dagli anni '70 e ha dedicato gran parte della sua attività di illustratore realizzando una ventina di mazzi, alcuni dei quali diffusi in tutto il mondo. Anche la sue attività di studioso e di insegnante sono sempre più rivolte al mondo dei tarocchi, che amo trattare come mandala, cioè come specchio dell'ordine cosmico e come personaggi teatrali, un po' sulla scia di Jodorowsky. Tra le sue molteplici attività artistiche, Scapini si è occupato anche di scenografia e di costumi teatrali, soprattutto nell'ambito della danza. E per anni ha insegnato scenografia in Accademia.


Dalle ore 11,00 alle 12,30 e dalle 16,00 alle 18,30 al «Resalè»
LETTURA TAROCCHI
[con Luigi Scapini]
Chi volesse prenotare una lettura individuale dei Tarocchi, Luigi Scapini sarà disponibile durante i giorni del Festival. La lettura dei tarocchi non è compresa nel biglietto d'ingresso.
Prenotazioni via mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Offerta libera


Dalle ore 10,00 – Sala Civica «Alda Merini»
I VOLTI DELLA CITTA' – STAGE FOTOGRAFICO ITINERANTE
[con Joe Oppedisano]
Il ritratto è un'impronta, una traccia. Unica, inconfondibile, irripetibile. Conferma un passaggio, documenta la realtà, cattura un momento. La fotografia imprime quell'attimo. Come uno specchio magico ne carpisce l'essenza e la trattiene, ammanettandola, in una sfida contro il tempo. Gli studenti del workshop «Il Ritratto» accettano questa sfida, e andranno in giro per il paese in cerca di volti. I volti della gente agli angoli delle vie, a piedi, in bicicletta. I volti di uomini e donne, di tutte le età. Il volto di un paese che si muove, che respira e che vibra: il volto di Monzambano. Avranno carta bianca, nessuna tecnica è consigliata o esclusa, solo l'invito a cercare un contatto, un incontro, un dialogo, con la gente e con il paese.
Un doppio ritratto. Una sfida ancor più grande. Ognuno cercherà un linguaggio personale, un lessico interpretativo per raccontare Monzambano e la vita che pulsa nelle sue strade.
Joe Oppedisano è docente del corso di specializzazione post-laurea «Il Ritratto» all'Accademia di Genova.
Il Workshop non è incluso nel biglietto d'ingresso.
Costo workshop: 60,00 euro giornaliere, 100 euro di 2 giornate.
Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonare al 366.1814860.


Ore 10,30 – Cortile della Scuola Media di Monzambano
«SCUOLA DELL'ATTORE»
Sede: Villafranca di Verona
Direzione artistica a cura de «I Gotturni»
Selezione di brani con allievi dei vari gradi, realizzati nell'Anno Accademico 2019.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.


Ore 10,30 – Cortile della Scuola Media di Monzambano
IL CUORE OLTRE L'OSTACOLO
Concerto dei Solisti del Coro Canticuore di Monzambano (Mantova)
Direttore: Stefania Maria Rossi. In collaborazione con gli allievi di pianoforte della Prof.ssa Samanta Chieffallo.
In programma: interventi solistici degli allievi e pianistico della prof.ssa Chieffallo e dell'alleva Olga Cagioni. Esibizione finale di un brano corale a cura degli allievi.


INGRESSO AL FESTIVAL
Abbonamento giornaliero: [ridotto] per ragazzi 7-13 anni: 7,00 euro
Abbonamento giornaliero: [intero] adulti: 15,00 euro
Abbonamento giornaliero: [gratuito] bambini fino a 5 anni 

L'abbonamento giornaliero dà diritto a partecipare agli eventi in programma, ad eccezione di quelli extra (Tarocchi, Workshop fotografico e Naturopatia). 
L'ingresso a tutti gli eventi, per questioni di sicurezza e distanziamento, è a numero chiuso.


Prevendita biglietti: acquista l'abbonamento giornaliero:
 [ clicca qui ]
Scarica e stampa il programma completo e la locandina del Festival:programma ] [ locandina ] [ depliant ]
Evento in Facebook [ clicca qui ]

Informazioni aggiuntive