bannercongo

UNA LUCE DI SPERANZA NELLA CRISI UMANITARIA AL CONFINE TRA POLONIA E BIELORUSSIA

[Dicembre 2021] É cronaca di questi giorni la crisi umanitaria, sempre più drammatica, nelle foreste al confine tra Bielorussia e Polonia, dove sono ammassati da settimane, all'addiaccio, in condizioni terribili, almeno 4.000 tra donne, uomini e bambini provenienti principalmente da Siria, Iraq, Yemen, Afghanistan. Mentre è in atto un duro braccio di ferro tra la Polonia e le autorità di Minsk, accusate di strumentalizzare i migranti aiutandoli ad entrare nell'Unione Europea, le organizzazioni per i diritti umani accusano però entrambi gli Stati e l'Unione Europea di violare le norme sul diritto d'asiloCosì, mentre la politica è intenta a mostrare i muscoli, sul versante polacco cittadini comuni insieme alla Caritas e a volontari di associazioni locali stanno portando ai rifugiati aiuti umanitari autofinanziati con collette, distribuiti attraverso quattro «Tende della speranza» e le parrocchie locali.

Una sorta di magazzini e luoghi di incontro dove fornire l'assistenza necessaria. Grazie a tale tamtam dal basso sono già arrivati alle parrocchie di frontiera pacchi di cibo, barrette energetiche, tende, sacchi a pelo, acqua potabile, giacche e vestiti invernali, coperte, borracce termiche, guanti. La Caritas ha attivato una presenza in loco per garantire la distribuzione degli aiuti e la preparazione dei pasti. «Sosteniamo i rifugiati, sia quelli che raggiungono la Polonia sia quelli che sono fuori dal nostro Paese», dice padre Marcin Izycki, direttore di Caritas Polonia.

Anche gli abitanti della zona si sono mobilitati e intervengono spontaneamente per dare una mano alle persone migranti che sono riuscite ad entrare in Polonia, nonostante gli idranti e i lacrimogeni usati dalle forze di polizia polacche per respingerli. I volontari sono stati costretti a nascondere il cibo e il latte per bambini in sacchi neri della spazzatura coperti dalle foglie dei boschi, di nascosto dalle forze dell'ordine.

Oltre a ciò, Caritas Polonia ha inviato aiuti anche a 16 centri per migranti all'interno del Paese, tra cui vestiti caldi, giocattoli per bambini, prodotti per l'igiene e cibo. Altro sostegno è arrivato dalla raccolta fondi del 21 novembre 2021 lanciata dalla Conferenza Episcopale Polacca tramite il presidente, l'arcivescovo Stanislaw Gądecki, che ha invitato tutte le parrocchie ad organizzare momenti di preghiera e collette. L'organismo caritativo della Chiesa polacca ha aiutato dal 2018 almeno 14.500 migranti tramite i suoi centri, con servizi che spaziano dalla mediazione culturale alle consulenze giuridiche e psicologiche, fino agli aiuti economici per il pagamento degli affitti, l'acquisto di farmaci e vestiario e iniziative per l'integrazione nella società.

Dall'altra parte della frontiera anche la Chiesa in Bielorussia , attraverso la Caritas, si sta mobilitando in modo simile, nonostante difficoltà di ogni sorta. Tantissime le famiglie con bambini. La Commissione Europea ha promesso aiuti umanitari ai gruppi della Croce Rossa che forniscono assistenza in quelle zone, ma incombe il rischio che i riflettori internazionali su questa crisi si spengano presto, dato che le autorità politiche dei Paesi coinvolti non permettono ai mass-media (e non solo) di accedere nella «zona rossa» in cui sono bloccati i rifugiati.

In questa emergenza umanitaria, che speriamo trovi presto una soluzione definitiva, Fondazione CIS ha avviato una raccolta fondi straordinaria denominata «Per Caritas Polonia», fondi che saranno prontamente inviati direttamente all'organismo caritativo polacco quale segno di vicinanza e sostegno a quanti si stanno dando da fare per portare soccorso umanitario.

Se vuoi, puoi sostenere questa iniziativa con una donazione tramite bonifico bancario sul conto di Fondazione CIS, inviando poi una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con tuoi dati: nome e cognome, residenza e codice fiscale. Saremo così in grado di ringraziarti e spedirti la ricevuta da utilizzare al momento della dichiarazione dei redditi: le donazioni a Fondazione CIS sono infatti deducibili o detraibili.

Destinatario: Fondazione CIS
IBAN: IT28 I 03069 59968 100000000239 [Banca Intesa San Paolo - Filiale di Villafranca di Verona]
Causale: Donazione per Caritas Polonia

Chi lo desidera, può inviare la propria donazione direttamente a Caritas Polonia. Di seguito i riferimenti per eseguire un bonifico internazionale (valuta: Euro):

Destinatario: Caritas Polska
Iban: PL 23 1160 2202 0000 0000 3436 4677 [Bank Millennium - al. Jerozolimskie 133, 02-304 Warszawa]
Swift: BIGBPLPWXXX
Causale: Migranci


AGGIORNAMENTI

[ 12.01.2022 ] Polonia e Ue, tra frizioni sullo stato di diritto e concessioni sulla crisi dei migranti

[ 11.01.2022 ] La novità della crisi dei migranti sul confine tra Bielorussia e Polonia

[ 10.01.2022 ] Bielorussia, l'inganno dei viaggi della speranza dal Medio Oriente alla frontiera europea

[ 10.01.2022 ] Fortezza Europa, respingimenti illegali e spietata caccia al migrante

[ 10.01.2022 ] «L'inverno dell'umanità: la Rotta Balcanica e l'Europa, dove finisce l'umanità» [video]

[ 09.01.2022 ] Nella tragedia ignorata dei migranti c’è l'abdicazione dell'occidente

[ 07.01.2022 ] Varsavia blocca i soccorsi ai migranti, Msf lascia la Polonia

[ 05.01.2022 ] Migranti al confine polacco, l'Europa non deve diventare uno spazio senza leggi

[ 04.01.2022 ] Polonia: mons. Zadarko (Consiglio pastorale migranti), «non abbiamo trovato soluzioni adeguate per le persone disperate al confine con Bielorussia»

[ 03.01.2022 ] «Serve una cooperazione europea per i migranti». Chi si attiva in Polonia

[ 02.01.2022 ] Militari, droni e cani da guardia così la Polonia dà la caccia ai migranti: «Qui i diritti umani sono stati sospesi». Il racconto della volontaria dal confine con la Bielorussia

[ 30.12.2021 ] Crisi migratoria ai confini con la Bielorussia. Fra diritti sospesi e tentativi di resistenza

[ 30.12.2021 ] Intervista a Padre Camillo Ripamonti: «I rifugiati sono una speranza, ma li facciamo morire nell'indifferenza»

[ 30.12.2021 ] Migranti, Russia: indagine internazionale su crimini commessi da Polonia al confine con Bielorussia

[ 29.12.2021 ] Lanterne verdi sul confine dell'Europa

[ 27.12.2021 ] Imprigionati nel gelo, inghiottiti dal mare, respinti nei lager: le «festività» dei migranti

[ 27.12.2021 ] Migranti: mons. Valentinetti (vescovi Abruzzo e Molise), «sì alla campagna Lanterne verdi, cessi la sofferenza alle frontiere»

[ 22.12.2021 ] Delegazione Caritas al confine bielorusso-polacco con regali e dolci di Natale per i figli dei migranti

[ 21.12.2021 ] Bielorussia, il dramma dei bambini, da soli nella foresta senza la famiglia

[ 21.12.2021 ] Migranti picchiati e costretti a pagare l'acqua in Bielorussia

[ 20.12.2021 ] Bielorussia e Polonia: Amnesty denuncia violenze su richiedenti asilo e migranti

[ 19.12.2021 ] Unhcr: «Crisi Bielorussia-Polonia: garantire trattamento umano a migranti e rifugiati»

[ 18.12.2021 ] Bielorussia, le tariffe dell'orrore per i migranti: 10 dollari, una bottiglietta d'acqua, 100 solo per chiamare un taxi, 700 per corrompere i militari di frontiera

[ 17.12.2021 ] Bielorussia, la soluzione alla crisi migratoria è politica. «Tutto dipende dai leader europei»

[ 17.12.2021 - video ] Lo stallo al confine tra Polonia e Bielorussia: decine i migranti in attesa di una soluzione

[ 15.12.2021 ] Crisi Bielorussia-Polonia, Pietro Bartolo: l'Unione dei diritti sta tradendo i suoi principi

[ 15.12.2021 ] Polonia: una crisi umanitaria creata a tavolino

[ 10.12.2021 ] «Migranti come selvaggina» Scene di caccia ai confini Ue

[ 10.12.2021 ] Migranti tra Bielorussia e Polonia: intervista ad un operatore umanitario

[ 09.12.2021 ] Bielorussia-Polonia, cosa sta succedendo ai confini dell'Europa

[ 07.12.2021 ] Lanterne Verdi, «cambiamo il finale» dei piccoli profughi nell'Est Europa

[ 05.12.2021 ] Polonia, una donna curda incinta muore nella foresta-trappola per migranti al confine con la Bielorussia

[ 04.12.2021 ] Migranti alle porte d'Europa, il cinico ricatto del dittatore bielorusso e il no polacco a corridoi umanitari

[ 02.12.2021 ] Polonia-Bielorussia, stop agli eurodeputati al confine: la Polizia di Varsavia impedisce l'accesso anche ai cronisti

[ 01.12.2021 ] Migranti, Polonia vieta l'accesso a media e ong al confine

[ 30.11.2021 ] Germania: Caritas aumenta il sostegno ai profughi assiepati lungo la «Zona rossa» Polonia-Bielorussia

[ 29.11.2021 ] Bielorussia: appello del Papa. Don Andrei Aniskevich (Caritas Bielorussia), «la voce del Papa è importante, che le sue parole arrivino ora ai governanti»

[ 09.11.2021 ] Migranti, in centinaia premono al confine tra Polonia e Bielorussia. Varsavia accusa Mosca

Informazioni aggiuntive