FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed

«UNA VITA FANCIULLA», IN MEMORIA DI GLAUCO PRETTO

[Giugno 2017] Ad un anno dalla scomparsa, avvenuta il 27 maggio 2016, giovedì 1 giugno 2017 Povegliano ha reso omaggio al professor Glauco Pretto, intitolandogli la biblioteca comunale ospitata in villa Balladoro. Già Presidente Onorario della Fondazione CIS, maestro elementare e poi professore di Lettere e preside nella Scuola Media, Glauco Pretto era cittadino onorario del paese; un riconoscimento acquisito in vita per l'intensa quanto eclettica produzione poetica e storica, che lo ha visto narrare ed emozionare diverse generazioni.

Sulla targa creata da Silverio Soffiati la dedica «Povegliano e i libri ispirarono in gran parte la sua vita e i suoi scritti» riassume ed esprime bene l'affetto e la riconoscenza che i convenuti alla cerimonia -familiari, amici e amministratori locali- nutrono ancor oggi nei suoi confronti. Senza dimenticare tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato nel corso delle molteplici attività sociali, civiche e culturali a cui Glauco Pretto dedicò gran parte della sua esistenza terrena.

«Ha scritto cose importanti, ma sempre con lo spirito di un fanciullo. Crescendo si perde questa caratteristica, ma a lui non è accaduto», ha sottolineato durante la cerimonia Paolo Bertezzolo, presidente della Fondazione CIS e legato al poeta da una forte amicizia.

Ci sembra bello fare memoria di questa «vita fanciulla» proponendo la lettura del memoriale che il professor Bertezzolo ha scritto su Glauco Pretto nei mesi scorsi, già pubblicato dalla rivista «Note Mazziane».

Leggi: «Una vita fanciulla: Glauco Pretto» di Paolo Bertezzolo

Informazioni aggiuntive

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. Maggiori informazioni